sabato, 20 gennaio 2018

  • it
  • en
Siete qui:

Contenuti

Nanotecnologie News

Formazione & Divulgazione

Energia

Nanoparticelle catalizzatrici

I catalizzatori sono sostanze che iniziano o che velocizzano una reazione chimica senza prendere parte alla stessa e quindi senza essere consumate dal processo. Le nanoparticelle di molti materiali si sono rivelate degli ottimi catalizzatori in virtù del loro miglior rapporto area superficiale/volume rispetto alle particelle di dimensioni micrometriche. In particolare si nota che più piccole sono le particelle e più elevato è quel rapporto. Ad un elevato rapporto corrisponde una maggiore area di contatto fra il catalizzatore ed i reagenti che si traduce in reazioni chimiche più rapide. Questo spiega l’importanza che i produttori di nanoparticelle riservano al mercato dei catalizzatori.

Celle a combustibile

Le nanotecnologie impatteranno non solo nello sviluppo di celle a combustibile più efficienti, ma anche nella realizzazione dei serbatoi di immagazzinamento dei combustibili che tipicamente sono impiegati per far funzionare questi dispositivi. In particolare, i ricercatori stanno ottenendo risultati molto incoraggianti dagli idruri metallici e dai nanotubi di Carbonio inseriti all’interno dei serbatoi destinati all’immagazzinamento dell’Idrogeno. Fra tutti i generi di nanotubi, il “nanohorn” si è rivelato il più promettente per immagazzinare il metano.

Celle solari

Le attuali celle solari fotovoltaiche realizzate con polimeri organici sono poco costose ma hanno una efficienza ancora troppo bassa se paragonate con le celle solari convenzionali basate sulla tecnologia del Silicio. Tuttavia, le recenti ricerche si stanno focalizzando nello sviluppo di celle altrettanto poco costose ma molto più efficienti delle precedenti. I risultati ottenuti stanno propendendo all’impiego di nanobastoncini (nanorods) in grado di poter sfruttare un più ampio spettro della radiazione solare.

Sorgenti di luce

Gli OLED (Organic Light Emitting Diode) sono dei dispositivi molto promettenti per realizzare sorgenti di luce poco costose, molto efficienti e dalla lunga durata. Troveranno vasti impieghi soprattutto nel settore automotive dove sostituiranno le classiche lampadine nei proiettori. Di contro, le lampadine a bulbo incandescente di uso civile potranno continuare ad essere prodotte ancora per lungo tempo. Un team di scienziati ha infatti sostituito con grande successo il filamento in Tungsteno con un filamento composto da nanotubi di Carbonio ottenendo ottimi risultati per quanto riguarda l’efficienza. I nanotubi di Carbonio si sono dimostrati ottimi anche per realizzare display a colori di elevata efficienza, al punto da riprodurre immagini e filmati chiaramente visibili anche se investititi dalla luce diretta del sole.

Progetto Cofinanziato da:

Unione Europea

Repubblica Italiana

Regione Veneto

©2010-2016 Veneto Nanotech ScpA in liq.
SEDE LEGALE: Piazza Salvemini, 13 I-35131 Padova - Italy
SEDE AMMINISTRATIVA: c/o CNR, Corso Stati Uniti, 4 I-35127 Padova - Italy
Tel. +39 331 7413295
C.F., n.ro iscrizione Reg. Imprese e P.IVA 03845260284

E-mail: info@venetonanotech.it