giovedì, 19 aprile 2018

  • it
  • en
Siete qui:

Nanotecnologie News

News & Eventi

10 giugno 2014

A Venezia il primo seminario per l’uso responsabile delle nanotecnologie nei materiali e oggetti a contatto con gli alimenti per le aziende del settore food #packaging, #nanomateriali, #normativa

Percezione da parte dei consumatori, aspetti legali, possibili applicazioni tecnologiche in ambito packaging alimentare: questi i temi trattati durante il seminario di Veneto Nanotech e CSQA Certificazioni per illustrare lo standard gestionale sviluppato per l’uso responsabile dei nanomateriali a tutela dei consumatori.

(Venezia, 5 giugno 2014) - A poche settimane dalla pubblicazione di due rapporti di Friends of the Earth, uno uscito negli Stati Uniti d’America, l’altro in Australia e focalizzati entrambi sull’utilizzo dei nanomateriali e delle nanotecnologie nella catena agroalimentare, Veneto Nanotech ha organizzato un seminario di formazione su questo tema dal titolo “Le nanotecnologie per i materiali e gli oggetti a contatto con gli alimenti” in collaborazione con CSQA Certificazioni e CISE, ente per lo sviluppo economico.

Nei due rapporti di Friends of the Earth sono enfatizzati i seguenti aspetti:

1) il potenziale uso indiscriminato dei nanomateriali nella catena agroalimentare con conseguenti effetti negativi per i consumatori e per l’ambiente;

2) il fatto che in USA e in Australia non esiste una normativa che obbliga i produttori a indicare in etichetta ingredienti in nanoforma.

A seguito di questi due rapporti sono usciti numerosi articoli su siti specializzati che mettono in evidenza soprattutto l’aumento dell’uso di nanomateriali e il numero di brevetti richiesti e concessi dalle grandi multinazionali agroalimentari. A supporto vengono citati anche lavori e previsioni sul volume di affari annuo mondiale delle nanotecnologie nel settore alimentare. Tuttavia, stimare il numero di prodotti nano-implementati sul mercato è un’operazione difficile, in quanto mancano sondaggi attendibili e aggiornati. La verifica sperimentale della reale presenza di nanomateriali resta comunque difficile per la mancanza di metodi adeguati.

Durante il workshop di Veneto Nanotech è emerso che l’attenzione dell’industria europea è concentrata più sul packaging che sugli ingredienti alimentari veri e propri. Per quanto riguarda le previsioni di crescita dl mercato, i numeri riportati nei due rapporti di Friends of the Earth sono spesso datati (ad es. 2003) ma è evidente un aumento dell’interesse per l’uso di nanotecnologie anche se l’effettivo utilizzo non è realmente verificabile.

Nicola Trevisan, direttore di Veneto Nanotech, sottolinea che “dal punto di vista della protezione dei consumatori in ambito agroalimentare, l’Europa è in uno stadio molto avanzato anche grazie all’entrata in vigore negli anni passati di diversi regolamenti (ad es. Regolamenti della Commissione 1935/2005 e 10/2011) che prescrivono la valutazione della sicurezza di qualunque ingrediente e sostanza a contatto con alimenti con specifica attenzione per i nanomateriali. Le procedure di autorizzazione all’uso delle sostanze - continua Trevisan - partono dal principio precauzionale e richiedono un’analisi di rischio per dimostrare che consumatori e ambiente siano protetti”.
A ulteriore tutela delle aziende e dei consumatori Veneto Nanotech e CSQA Certificazioni hanno presentato anche lo standard gestionale, uno strumento volontario che permette alle aziende di mettere a punto un sistema di gestione dedicato ai nanomateriali compatibilmente con lo standard ISO 9000.

Progetto Cofinanziato da:

Unione Europea

Repubblica Italiana

Regione Veneto

©2010-2016 Veneto Nanotech ScpA in liq.
SEDE LEGALE: Piazza Salvemini, 13 I-35131 Padova - Italy
SEDE AMMINISTRATIVA: c/o CNR, Corso Stati Uniti, 4 I-35127 Padova - Italy
Tel. +39 331 7413295
C.F., n.ro iscrizione Reg. Imprese e P.IVA 03845260284

E-mail: info@venetonanotech.it