mercoledì, 18 luglio 2018

  • it
  • en
Siete qui:

Nanotecnologie News

Ricerca & Sviluppo

Progetti di ricerca

Nell’ ambito del distretto Veneto Nanotech, e con i fondi messi a disposizione dalla Regione Veneto, il CIVEN (Coordinamento Interuniversitario Veneto per le Nanotecnologie) sta sviluppando una serie di macro-progetti di ricerca:

  1. Nanostrutture per sensori chimici e biochimici: il progetto mira alla preparazione di sensori che impiegano nanostrutture e film ultrasottili atti a migliorarne significativamente sensibilità, selettività e limiti di rivelabilità. Saranno sviluppati sia nanosensori singoli che array di nanosensori per analisi simultanea multianalita sia in campo biochimico che chimico-ambientale. I potenziali utilizzatori di questi prodotti si individuano nelle aziende che utilizzano dispositivi sensori per: a) il controllo della qualità ambientale, tra cui aziende produttrici di impianti di riscaldamento per uso residenziale; b) la diagnostica clinica, in particolare presidi sanitari e strutture clinico-mediche.
  2. Deposizione di strati ad elevate proprietà tribologiche e resistenza a corrosione: il programma di ricerca ha lo scopo di individuare la composizione e metodologia di deposizione di strati strutturati con elevate proprietà tribologiche e di resistenza all’usura. Il mercato potenziale di tali prodotti è molto ampio e spazia dall’industria tessile (boccole, guida di fili, cammes); all’industria della carta (lame, cilindri da taglio); all’industria alimentare (macine); industria biomedica (rivestimenti anche biocompatibili per strumenti ed utensili chirurgici); all’industria aeronautica e spaziale (cuscinetti, ingranaggi, strati protettivi) ed infine all’industria delle materie plastiche (viti estrusione, ugelli iniezione, stampi per trasformazione di materie plastiche).
  3. Materiali nanostrutturati per rivestimenti protettivi o decorativi: il programma di ricerca ha lo scopo di sviluppare tecnologie per la protezione e funzionalizzazione di superfici metalliche o polimeriche, di materiali biocompatibili e per la decorazione. I destinatari di questo tipo di prodotti sono: aziende produttrici di apparati igienico-sanitari o di elettrodomestici o di engineering ambientale; aziende produttrici di occhiali, imprese orafe e studi di design.
  4. Deposizione di film sottili di dimensioni nanometriche e di rivestimenti spessi di nanocompositi di tipo inorganico, organico o ibrido: il progetto mira alla messa a punto di metodi e tecniche per la realizzazione e la caratterizzazione di film sottili e spessi nanostrutturati. I possibili destinatari di questo tipo di prodotti sono svariati. Si possono citare, a puro titolo di esempio, le aziende operanti nel settore delle materie plastiche, del packaging, dell’occhialeria, del trattamento delle vetrate, della produzione di vernici speciali, degli elettrodomestici, degli apparati igienico-sanitari, del design industriale.
  5. Costruzione di microarray finalizzati allo studio della genomica e della proteomica: il progetto mira al raggiungimento dei seguenti 3 obiettivi: 1) costruzione di una nuova generazione di microarray in grado di utilizzare materiale genetico o proteico non marcato e i cui supporti siano riutilizzabili in più cicli di misure; 2) elaborazione di software statistico che implementi metodologie per il riconoscimento e la ricodifica del segnale prodotto dal microarray sia nella tecnologia attualmente presente (fluorescenza) sia nella tecnologia di cui si propone la costruzione (campo elettromagnetico), e implementi anche nuove metodologie per l’analisi dei risultati sperimentali. Questa ultima include lo studio della sensibilità e della qualità del rapporto segnale/rumore per le tecnologie che verranno considerate; 3) realizzazione di un laboratorio sperimentale di test e sviluppo di sensori microelettronici di DNA di nuova architettura.
  6. Nanomateriali in sistemi industriali: il progetto si sostanzia nello sviluppo di Leghe Leggere Nanostrutturate per Occhialeria e per Articoli Sportivi – Materiali con ottimo compromesso tra leggerezza e resistenza in sostituzione dei materiali comunemente reperibili sul mercato. Lo studio mira ad aumentare la competitività dei prodotti impiegando tecniche di formatura che riducano lo sfrido di lavorazione, quindi con impatto ambientale positivo e ad innalzare le barriere tecnologiche all’ingresso per i competitors asiatici.
  7. Nanomateriali in sistemi industriali: il progetto si articola nello sviluppo di sistemi polimerici modificati tramite l’utilizzo di nanoparticelle di diversa composizione. In particolare si cercherà di approfondire lo sviluppo di vernici nanocomposite ad alte prestazioni e non raggiungibili con i sistemi di verniciatura convenzionali e di prodotti chimici per edilizia con caratteristiche funzionali ad impatto ambientale migliorato.

Questi progetti sono realizzati in collaborazione con le imprese locali, già fortemente coinvolte nella fase di decisione dei temi di ricerca, per supportare ricercatori ed imprenditori ad identificare idee tecnologiche ad alto potenziale di sviluppo. CIVEN e Veneto Nanotech sono aperti a forme di cooperazione nazionali ed internazionali, sia nell’ambito della ricerca che nell’ambito della formazione.

Progetto Cofinanziato da:

Unione Europea

Repubblica Italiana

Regione Veneto

©2010-2016 Veneto Nanotech ScpA in liq.
SEDE LEGALE: Piazza Salvemini, 13 I-35131 Padova - Italy
SEDE AMMINISTRATIVA: c/o CNR, Corso Stati Uniti, 4 I-35127 Padova - Italy
Tel. +39 331 7413295
C.F., n.ro iscrizione Reg. Imprese e P.IVA 03845260284

E-mail: info@venetonanotech.it